GIORNATA MONDIALE DELLA RADIO

Con più di un secolo di età, precisamente 110 anni, la radio continua ad essere il mezzo d'informazione più diffuso e utilizzato al mondo e di fronte alla pandemia ha dimostrato la sua capacità di trasformazione e adattamento facilitando la diffusione delle informazioni di prevenzione, promuovendo i gesti per evitare il propagarsi del virus e facilitando in molti paesi la continuità educativa . Ad esempio, nella Repubblica democratica del Congo, l'Unesco e la Coalizione mondiale per l'istruzione hanno sviluppato e diffuso contenuti educativi per oltre quattro milioni di studenti, trasmessi sulle stazioni radio comunitarie. La radio ha saputo adattarsi dunque ai nuovi modelli di vita e ai bisogni della società.

Quest'anno la decima edizione della Giornata mondiale della Radio che si celebra il 13 febbraio ha un significato particolare che ben si evince dal tema scelto dall'Unesco «Nuovo mondo, nuova radio, evoluzione, innovazione connessione». Evoluzione perché il mondo sta cambiando e la radio con lui, grazie alla sua resilienza e sostenibilità; innovazione, perché la radio è capace di adattarsi alle novità, alle nuove tecnologie per rimanere il mezzo di comunicazione per eccellenza, accessibile a tutti e ovunque; connessione, perché la radio fornisce un servizio essenziale in caso di catastrofi naturali, crisi socioeconomiche, epidemie. «Ovunque voi siate la radio vi accompagna. La radio si apre al mondo, all'informazione sanitaria, all'educazione, alle arti, alla diversità culturale.

La radio è ora diventata uno strumento prezioso per la trasmissione di informazioni, utili al bene comune dell'umanità» ha dichiarato nel messaggio per la Giornata mondiale la Direttrice generale dell'Unesco Audrey Azoulay. Secondo l'Unesco, infatti, la radio è un potente strumento per celebrare l'umanità in tutta la sua diversità ed è una piattaforma per il discorso democratico. Questa capacità unica di raggiungere il pubblico più ampio significa che la radio può plasmare l'esperienza della società nella diversità, essere l'arena in cui tutte le voci possono essere espresse, rappresentate e ascoltate. In occasione della Giornata mondiale l'Unesco ha invitato dunque tutte le stazioni radio del mondo a partecipare a questa celebrazione in vari modi: contribuendo alla creazione di un'opera musicale originale, organizzando una programmazione speciale o invitando gli ascoltatori a condividere la loro esperienza radiofonica durante una pandemia. «Più che mai, abbiamo bisogno di questo mezzo universale, di questo mezzo umanista, che porta libertà. Senza la radio, il diritto all'informazione, la libertà di espressione e con essa le libertà fondamentali ne sarebbero indeboliti; diversità culturale, anche, come le stazioni radio comunitarie sono le voci di coloro che non lo fanno» ha dichiarato Audrey Azoulay.

RISO CON POLLO ALLA BRASILIANA

Questa settimana vi voglio regalare una ricetta dal sapore brasiliano: il riso con pollo è un piatto tipico della cucina brasiliana, in portoghese viene chiamato comunemente galinhada. La galinhada è originaria degli stati di Goiás e Minas Gerais anche se numerose sono le varianti che si possono gustare; le più conosciute prevedono l’uso di cuori di palma e pequi (frutto brasiliano). Le verdure usate cambiano a seconda della disponibilità, vengono aggiunti piselli, pomodori o peperoni. Il segreto per una buona riuscita di questo piatto è di lavare accuratamente il riso prima di rosolarlo, in questa maniera perde la maggior parte dell’amido, il risultato è un riso sgranato che si carica del sapore dello stufato.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE: 
- 600 gr di Pollo in pezzi;
- 320 gr di Riso Arborio;
- 100 gr di cipolle;
- 1/2 cucchiaino di zafferano;
- 2 spicchi di aglio;
- 1 cucchiaino di Cumino in polvere;
- 2 foglie di Alloro;
- 1 mazzetto di prezzemolo;
- 2 Lime
- Olio di semi di girasole (q.b.)
- Sale (q.b.)

1)  Versate il riso in un colino, lavatelo con l'acqua corrente fino che l'acqua è limpida. Lasciate scolare l'eccesso di acqua e tenete da parte. Tritate la cipolla insieme all'aglio. Tamponate i fusi con carta da cucina e conditeli con sale, pepe e cumino.
2)  Riscaldate l'olio in una casseruola bassa, aggiungete il pollo e rosolatelo per circa 20 minuti a fiamma dolce girando di tanto in tanto. Togliete dal fuoco e tenete da parte.
3)  Aggiungete nella casseruola due cucchiai di olio e rosolate la cipolla con l'aglio. Unite il riso e rosolatelo.
4)  Quando il composto ha un colore leggermente dorato unite la carne e versate brodo di pollo fino a coprire completamente il riso di almeno due centimetri. Diluite lo zafferano in poca acqua e aggiungete al brodo, unite una macinata di pepe, poco sale e le foglie di alloro, mescolate e portate a bollore. Abbassate la fiamma e cucinate a padella scoperta fino che il riso è al dente. Aggiungete il mais, mescolate e regolate di sale. Completate la cottura lasciando asciugare il riso senza mescolare. Spegnete la fiamma e lasciate riposare per 10 minuti.
5) Lavate il prezzemolo, asciugatelo con carta da cucina e tritatelo finemente. Unitelo al pollo e completate il piatto con abbondante succo di lime.

A questo punto: Buon Appetito!


DI CHE "ASTRODANCER" SEI?

Questa settimana affronteremo con estrema leggerezza ed ironia un argomento astrofisico, ma tu di che segno sei? Forse pochi sanno che anche nella scelta del ballo il segno zodiacale fa la differenza.
Tutta questa curiosità è iniziata con il famoso gioco "Just Dance 2016" i cui autori, interpellando 80 esperti di astrologia e maestri di ballo, hanno definito le categorie degli Astrodancer.
Siete curiosi? 
ARIETE: testarda e passionale con una voglia sfrenata di conquistare il mondo sceglierà il Valzer inglese, il Quick Step e lo Slow Fox;
TORO: sa talmente godersi la vita e stare in mezzo alla gente che sceglierà i Balli di Gruppo quali il Funky, la Zumba o la Samba;
GEMELLI: divertenti, spericolati e creativi per loro va bene qualsiasi tipo di ballo, quindi si spazia dalle Danze latine e caraibiche al Rock'n'roll;
CANCRO: dolce e malinconico, sensibile e magico è più incline alle tipologie di Valzer, sia Inglese che Viennese, ed al Tango;
LEONE: dominatore per natura, possiede un'energia esplosiva diventando quindi l'indiscusso boss della pista da ballo, Latino Americano e Tango Argentino i suoi preferiti;
VERGINE: intelligente e preciso è più incline ai balli lenti e romantici quali Valzer e Tango;
BILANCIA: due forze che spingono in direzioni opposte, i balli preferiti: Kizomba, Rumba e Valzer Inglese;
SCORPIONE: passionale, ironico e pungente non sa resistere alla competizione, sceglierà Mambo, Merengue e Salsa;
SAGITTARIO: spirito libero per eccellenza, amante delle avventure, ama i balli veloci: Samba, Rock'n'roll, Boogie Woogie;
CAPRICORNO: un instancabile e solitario segno come questo è pronto a combattere e raggiungere qualsiasi obiettivo, i balli di resistenza sono il suo forte: Quick Step, Jive e Samba;
ACQUARIO: anticonformista e moderno si divertirà con Hip Hop, Dance Moderna e Jazz;
PESCI: geniali e fantasiosi ma allo stesso tempo sregolati, opposti nel segno come nella scelta del ballo, potrebbero scegliere la Danza Classica la mattina ed il Latino Americano il pomeriggio!

Divertente questo viaggio nel mondo dei segni .... a presto!


BALLI CARAIBICI: LA SALSA!

Forse pochi di Voi sanno che differenza c'è tra Balli caraibici e Balli latino americani: i primi sono quelli che si ballano e si ascoltano a Cuba, Portorico e nella Rep. Dominicana e quindi : la salsa, il merengue e la bachata; i secondi invece sono : il samba (originario del Brasile), il cha cha cha e la rumba (originari di Cuba), il paso doble (originario della Spagna) ed il jive (nato in Nord America). In questo articolo parleremo della Salsa e di tutti i tipi esistenti di questa specialità.
La Salsa nasce tra le campagne di Cuba tra la fine del 1800 e gli inizi del '900, principalmente a Santiago con la diffusione del Son, il ballo delle classi meno abbienti. Nel giro di qualche decennio il Son diventò la musica nazionale cubana. Tra le varianti del Son che si diffusero, il Son Montuno sarà quello che darà origine al ritmo della salsa. Il successo della salsa raggiunge l'apice tra gli anni '60 e '70 grazie ad un'abile manovra commerciale ed ai molti artisti che a New York trovarono l'opportunità di esprimere il loro talento.
Tito Puente negli anni '70 esordì dicendo che l'unica salsa che conosceva era quella di pomodoro ma noi oggi possiamo affermare che i tipi di salsa sono tanti:
  1. Salsa Cubana;
  2. Salsa Colombiana e Venezuelana
  3. Salsa Portoricana
  4. Salsa New York Style
  5. Salsa Los Angeles Style
1) la Salsa Cubana è caratterizzata dalla continua rotazione dell'uomo in senso orario attorno alla donna, con movimenti del corpo molto accentuati ed in particolar modo quelli del bacino.
2) La Salsa Colombiana e Venezuelana differiscono marginalmente dalla precedente assorbendo parte del folklore dei loro paesi. La sua caratteristica è l'uso dello "step" o "tap", ossia un passo senza peso eseguito nel battito della pausa (il 4 e l'8).
3) La Salsa Portoricana viene spesso definita ballo in "linea". La coppia rispetta una linea di ballo o la sua perpendicolare ed i cambi di direzione avvengono in senso antiorario, contrariamente alla cubana.
4) L'inventore della Salsa NY Style fu Eddie Torres, che nei suoi quarant'anni di carriera, ha saputo trasmettere in tutto il mondo questo stile elegante e raffinato, ballato sulla musica più che sul tempo, caratterizzato da una morbidezza e sensualità uniche. Infatti questo tipo di salsa viene eseguita sul 2, cioè sul secondo battito musicale.
5) Infine la Salsa Los Angeles Style rispecchia il carattere energico di questa città californiana. E' uno stile marcato, veloce, esplosivo, arricchito da quelli che in gergo vengono definiti "tricks" (trucchi) : acrobazie e figure molto scenografiche e veloci.


Alla prossima.....

I BENEFICI DELLA MUSICA LATINO AMERICANA


Amici di Proyecto Latino sapete quanti benefici può regalare la musica latino americana? 
Iniziare un corso di ballo oppure, visto il momento, ballare da casa magari seguendo i corsi on line dei Vostri maestri preferiti, può avere effetti benefici sia a livello fisico che mentale.
Eccone alcuni:
- Combatte lo stress, migliorando la respirazione ed accrescendo la produzione di endorfine che a loro volta portano ad una diminuzione dei sintomi depressivi; gli studi hanno dimostrato che coloro che hanno partecipato ad una danza gioiosa ed energica come quella caraibica, hanno mostrato meno sintomi di depressione e più vitalità rispetto a quelli che non lo hanno fatto;
- Migliora il rapporto di coppia, in particolare alcuni tipi di ballo tra i quali il tango, la salsa e la rumba possono aiutare a superare un momento di crisi o ad accrescere l'affinità.
Curiosità: gli uomini che ballano sono più seducenti e la danza del ventre fa bene alla sessualità);
- Stimola l'autostima: il ballo aiuta a superare la timidezza ed insegna a darsi degli obiettivi ed a raggiungerli con gradualità;
- Potenzia il cervello: la danza tiene sveglio il cervello perchè deve ricordare le sequenze coreografiche e ripeterle ed allena i riflessi. Inoltre attiva più aree cerebrali: i centri che presiedono alla coordinazione motoria, le aree sensoriali (udito), il lobo limbico, che presiede alle emozioni;
- Previene l'osteoporosi: tenere in esercizio le articolazioni preserva le ossa (quindi il ballo è adatto a tutte le età!!!);
- Aiuta la circolazione: quando si sottopone ad uno sforzo adeguato e prolungato, il cuore potenzia la sua resistenza;
- Contrasta il mal di schiena: eseguendo i movimenti correttamente si impara a tenere il busto eretto, la testa alta e le spalle fuori, con la diretta conseguenza di una postura corretta;
- Si bruciano da 200 a 600 calorie all'ora, modellando i muscoli, tonificando e perdendo peso.

Continuate a ballare....